Prodotto è stato aggiunto al tuo carrello
 +39 0971 472 305 | email: info@natuverabio.com | SKYPE: NATUVERABIO

Perchè Acquistare!

Consigliato dai nostri ESPERTI!
Spedizione Gratuita
da € 28,00
Guadagna Punti
più acquisti più risparmi

Salvia bio

€ 5,85



Salvia bio

(Salvia officinalis L.)

Parte utilizzata: foglie taglio tisana

Provenienza: ITALIA

Fa bene a:
- Dispepsia, atonia gastrointestinale; iperidrosi
- Turbe mestruali
- Flogosi mucose orofaringee (uso esterno)
- Ha azione eupeptiche, antispasmodiche, antiidrotiche, antisettiche, cicatrizzanti

Descrizione:
La salvia è una pianta appartenente alla famiglia delle Labiateae, che gode fin dall’antichità fama di panacea, presenta un’indubbia azione antispasmodica e colagoga-coleretica.
Degli studi hanno dimostrato la capacità di migliorare i processi mnemonici e di contrastare il deterioramento che caratterizza il morbo di Alzheimer. Secondo i ricercatori, la pianta ha proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.
E’ stata dimostrata anche l’attività antiossidante, da sempre impiegata nell’alimentazione per conservare i cibi, dovuta ai diterpeni e all’acido rosmarinico; a questa si affianca l’attività antimicrobica.

L’attività battericida dell’olio essenziale risulta inferiore a quelle dell’olio essenziale di timo ed è nulla nei confronti dello Staphylococcus aureus. Anche in questo caso gli estratti acquosi risultano ugualmente antisettici ed antiossidanti per la presenza dell’acido rosmarinico.

Oltre che come condimento eupeptico ed aromatizzante trova impiego in qualità di amaro-tonico e stimolante nelle forme dispeptiche e nell’atonia gastrointestinale, in particolare nei soggetti affaticati sia fisicamente che intellettualmente. Se assunta in forma di decotto lontano dai pasti e a stomaco vuoto, sembra contribuire ad abbassare la glicemia nei diabetici.

Attualmente trova impiego nel trattamento sintomatico di turbe digestive quali, senso di pesantezza epigastrico, lentezza digestiva, meteorismo e flatulenza ecc.
La salvia è conosciuta anche come antiidrotica ed emmenagoga. Secondo degli studiosi possiede una reale efficacia nel regolarizzare il flusso mestruale, calmare le reazioni dolorose e nei disturbi della menopausa.

L’azione antiidrotica si manifesta dopo alcune ore dall’assunzione della pianta e il beneficio può durare alcuni giorni. L’azione sarebbe centrale e sostenuta dall’olio essenziale. E’ stato dimostrato sperimentalmente che riuscirebbe ad antagonizzare completamente l’iperidrosi da pilocarpina. L’olio essenziale paralizza le terminazioni periferiche delle ghiandole sudoripare.

I preparati di salvia risultano, inoltre, efficaci per combattere l’eccessiva formazione di catarro nelle forme bronchiali e sarebbero anche in grado di bloccare la secrezione lattea.
Viene impiegata, infine, come astringente ed antisettico in gargarismi e collutorio, nelle infiammazioni del cavo orofaringeo e nelle emorragie gengivali. Dal punto di vista cosmetico manifesta azione dermopurificante, deodorante, stimolante e rassodante per cui può essere impiegata nella cura dei capelli grassi, della pelle grassa ed impura e di quella rilassata e nell’igiene dentaria e generale, in preparazioni al 2-3%.

L’olio essenziale risulta neurotossico (azione convulsivante). Responsabili sarebbero tuione e canfora: la tossicità sarebbe legata ad un’inibizione del metabolismo ossidativo dei neuroni. Le manifestazioni dell’intossicazione acuta dovute all’essenza sono di tipo epilettogeno. Ma non bisogna dimenticare la tossicità cronica di questa essenza che, somministrata nell’animale quotidianamente a debole dose, si rivela bruscamente convulsivante.
L’olio essenziale puro e gli estratti alcolici non vanno assunti in gravidanza e durante l’allattamento. L’olio essenziale non va assunto in cure prolungate.

Curiosità,la salvia era l’Herba sacra dei latini: l’uso era così comune che inventarono un verbo apposito per descriverlo (Salviare, dare una porzione di Salvia).
La Scuola Salernitana diceva: “Cur muriatur homo cui Salvia crescit in horto?” ed anche “Salvia salvatrix, natura conciliatrix”.

I Greci proibivano il suo impiego durante le competizioni sportive, poiché le sue proprietà euforizzanti ed eccitanti sembravano “dopare” gli atleti.
Gli Egiziani utilizzavano la salvia per imbalsamare i morti, ma questa pianta aveva anche la reputazione di rendere fertili le donne.
Nel sud della Francia si dice che “chi ha la Salvia nel suo giardino non ha bisogno del medico”.
 

Nessun Cliente ha lasciato un commento

Scrivi la tua recensione

Consigliato dai nostri ESPERTI!
Spedizione Gratuita
da € 28,00
Guadagna Punti
più acquisti più risparmi

Prodotti Correlati: